Italiano lezione di calcio a Garcia. La Fiorentina vince meritatamente per 3-1 al Maradona.

Napoli 8 Ottobre 2023

Al “Maradona” va in scena l’8ª giornata di serie a Tim.
Il Napoli di Garcia affronta la Fiorentina di Vincenzo Italiano.
Garcia conferma gli undici che hanno giocato in Champions contro il Real Madrid, con Politano nel tridente. Nella Fiorentina fuori Nico Gonzalez: gioca Ikoné. In attacco rientra dal 1′ Nzola.
L’avvio del match è scoppiettante, la Fiorentina ha la prima occasione da gol dopo soli cinque minuti di gioco, sugli sviluppi di una punizione scodellata in area da destra, palla rimessa in mezzo da Milenkovic e il suo compagno di reparto Martinez Quarta si esibisce in una spettacolare rovesciata a pochi metri dalla porta, con Osimhen sulla traiettoria che lo mura sulla riga di porta.
Dopo un minuto il Napoli su ripartenza imbastisce una grande azione, chiusa con Politano che premia la sovrapposizione di Di Lorenzo, mandandolo al tiro da destra: sventola di poco alta sopra alla traversa.
Al 7’ però la Fiorentina non perdona, i viola recuperano palla, cross al centro dove Martinez Quarta con una deviazione di coscia colpisce il palo. Sulla ribattuta, pronto sul tap-in di Brekalo che infila in rete da posizione defilata, tirando tra le gambe di un più che colpevole Meret.
La Fiorentina nonostante il vantaggio pressa alta gli azzurri , che nonostante questo al 22’ in ripartenza riescono ad andare al tiro con Osimhen, ribattuto però dalla difesa viola, poi chance per Kvaratskhelia dall’altra parte, che rientra sul destro e prova a tirare da terra. Tiro sporcato, il più veloce ad andare sul pallone è Olivera che da sinistra mette in mezzo e Osimhen tocca in rete sulla linea di porta. Olivera però era in fuorigioco al momento del tiro di Kvara, con la conferma che arriva dal Var.
Alla mezz’ora Anguissa si accascia a terra per un problema muscolare, al suo posto Garcia schiera Raspadori da trequartista, passando al 4-2-3-1.
Il pareggio degli azzurri arriva nel recupero della prima frazione di gioco, Parisi su un cross in mezzo del Napoli,
i di petto appoggia per Terracciano, con Osimhen in agguato. Il portiere viola non può far altro che stenderlo.
Per il portiere viola arriva anche l’inevitabile giallo.
Osimhen dal dischetto con il piatto destro calcia forte e trasforma. Terracciano intuisce ma non può arrivarci, il bomber nigeriano torna a segnare su rigore dopo l’errore di Bologna.
Nella ripresa i viola sfiorano subito il nuovo vantaggio, verticalizzazione splendida di Bonaventura per Nzola, che difende palla e poi premia l’accorrente Ikoné sulla destra. Gran tiro e palla che si schianta sul palo alla sinistra di Meret.
Dopo un’ora di gioco nuovo grave errore della difesa viola, una rimessa sbagliata di Kayode spiana la strada a Osimhen, che arriva davanti al portiere viola che chiude sul suo tentativo di piazzare il tiro.
Il detto “gol sbagliato, gol subito” risulta veritiero, infatti al 63’ Arthur verticalizza dal limite, Duncan cerca di inseririsi e un rimpallo regala la palla a Bonaventura, che tutto solo all’altezza del dischetto deve solo piazzare un destro facile all’angolino.
Il Napoli reagisce e sfiora la rete in diverse occasioni senza però riuscire a trovarla.
Nel finale Garcia sostituisce Osimehne con Simeone, senza optare per il tandem d’attacco proprio come a Bologna.
Nel penultimo minuto di recupero i viola trovano anche la terza rete, ripartenza letale della Fiorentina, che va a sinistra con Parisi, che crossa teso al centro di sinistro trovando l’inserimento di Nico Gonzelez davanti alla porta pronto ad appoggiare la palla in rete.
Il Napoli si ferma di nuovo dopo le belle vittorie con Udinese e Lecce e la buona prestazione con il Real Madrid.
Il pubblico del “Maradona” a match terminato inizia anche a fischiare quelli che sembrano i lontani parenti dei campioni d’Italia in carica.
Adesso con la sosta per le nazioni Garcia potrà e dovrà lavorare alle tattiche e l’atteggiamento dei suoi calciatori.
Il Napoli tornerà in campo il 21 Ottobre in trasferta contro l’Hellas Verona.

NAPOLI – FIORENTINA 1 – 3 | Marcatori: 7′ p.t. Brekalo (F); 50′ p.t. Osimhen (N) su calcio di rigore; 18′ s.t. Bonaventura (F); 48′ s.t. Gonzalez (F)

NAPOLI (4-3-3): Meret 4; Di Lorenzo 5, Østigård 6, Natan 6, Olivera 5.5; Anguissa 5.5 (dal 32′ p.t. Raspadori 5.5), Lobotka 6 (dal 31′ s.t. Gaetano s.v.), Zielinski 5 (dal 31′ s.t. Lindstrøm s.v.); Politano 6 (dal 12′ s.t. Cajuste 5), Osimhen 6.5 (dal 31′ s.t. Simeone s.v.), Kvaratskhelia 5.5.

FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano 6.5; Kayode 7 (dal 38′ s.t. Ranieri s.v.), Milenkovic 6.5, Quarta 7, Parisi 5.5; Arthur 6.5 (dal 38′ s.t. Infantino s.v.), Duncan 6.5 (dal 38′ s.t. Mandragora s.v.); Ikoné 5.5 (dal 44′ s.t. Comuzzo s.v.), Bonaventura 7.5, Brekalo 6.5 (dal 28′ s.t. Nico Gonzalez 6.5); Nzola 5.5.